sabato 16 aprile 2016

NAVIGARE IL MEDITERRANEO. (Parte terza)

"All'alba del terzo millennio il Mediterraneo riesce ancora a darci
- nonostante il fosco scenario attuale - delle buone ragioni di speranza, invitandoci ad adottare e condividere un'arte comune del vivere - l'appartenenza, se non proprio una comune identità mediterranea -



Noi cittadini e parlamentari di tutti i paesi del Mediterraneo intendiamo rivendicare inequivocabilmente la nostra eredità e la nostra partecipazione all'avvenire, proclamando a voce alta le nostre convinzioni e le nostre idee attraverso la presente dichiarazione.
Il Mediterraneo e' un mare interno che bagna le coste di tre continenti. Al centro tra Europa, Maghreb e Mashrek, questo mare è riuscito a trasmettere a tutti dei valori stabili, accendendo una interminabile curiosità per il proprio miglioramento e conoscenza.
Le tradizioni complesse, che ancora resistono e prosperano su entrambe le rive, ci hanno insegnato a non denigrare mai la grandezza dell'uomo. Parlando di noi, ci dicono chi siamo e arricchiscono il nostro ambiente, ci donano una identità e le libertà di cui essere fieri, e ci consentono soprattutto di essere fieri dei nostri vicini.
Il Mediterraneo ci ha insegnato a dare e a ricevere, a lottare per il successo, ad interrogarci senza pregiudizi, e a guardare ad universi mentali differenti all'interno di un mondo intricato fin dai tempi di Omero e Virgilio. Le sue leggi, il suo sapere, le sue credenze, le religioni monoteiste, il rispetto per la natura e la bellezza, per il sacro e la ragione, sono andati oltre le sue sponde, contribuendo alla esperienza totale dell'intero genere umano..."

Dalla "Carta del Mediterraneo", adottata all'unanimità, in occasione della 3^ Sessione Plenaria Principato di Monaco, il 13-15 novembre 2008, date in cui si è riunita l' Assemblea Parlamentare Mediterranea (APM) dei Paesi rivieraschi.

di Gianni Fabbri

"Navigare necesse est, vivere non necesse!"

"Egli dunque col timone guidava destramente
Seduto: ne' il sonno gli cadeva sugli occhi
Guardando le Pleiadi, Boote che tardi tramonta
E l'Orsa che chiamano anche col nome di Carro
Che ruota in un punto e spia Orione:
È la sola esclusa dai lavacri di Oceano
Già aveva ingiunto Calipso, chiara tra le Dee,
Di far rotta avendola a manca..."
("Odissea" - Libro V -)

martedì 22 marzo 2016

Incontri del Mediterraneo - Scuole - Giornata Mondiale dell'Acqua

Circa 200 ragazzi di diversi istituti scolastici alla conferenza organizzata al Palazzo del Turismo in occasione della ‪#‎GiornataMondialedellAcqua‬. All'appuntamento hanno partecipato Arpa Rimini, Romagna Acque e Pertroltecnica. L'evento ha chiuso le giornate degli Incontri del Mediterraneo .

sala palazzo del turismo Riccione
sala palazzo del turismo Riccione

Mostra Fotografica di Livio Senigalliesi