sabato 13 settembre 2014

Quando la sicurezza vale più della vita umana


foto: Reuters
Secondo i dati raccolti dal Consiglio Europeo sui Rifugiati e gli Esuli (ECRE), solo nel 2014 circa 2 mila persone hanno perso la vita nel Mar Mediterraneo nonostante gli sforzi intrapresi dal Governo italiano attraverso l'operazione "Mare Nostrum". Il numero di richiedenti asilo e di sfollati è aumentato esponenzialmente a causa del clima di instabilità che sta caratterizzando l'area del Nord-Africa e del Medio Oriente. Nel report presentato nel 2013 da UNHCR si legge che il numero di richiedenti asilo e sfollati interni ha superato quota 50 milioni; si tratta del valore più elevato mai registrato dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.


leggi anche : Perché gli immigrati continuano a preferire le coste italiane?

leggi anche : Immigrazione Francia: Calais tra ultra-destra e minacce internazionali