domenica 6 luglio 2014

Israele-Palestina: un conflitto lungo più di cento anni



linkiesta.it
Tre giovani israeliani rapiti e uccisi. I corpi sono stati trovati in Cisgiordania, il 30 giugno scorso, nei pressi di Hebron. Da subito il governo israeliano ha annuncitao una reazione armata. «È necessaria una operazione che dia a Hamas un colpo mortale. Dobbiamo sradicare il terrorismo... demolire le abitazioni degli assassini, distruggere i loro depositi di armi, bloccare i finanziamenti», sono state le parole immediate del viceministro della Difesa Danu Danon del Likud, partito della destra israeliana. E dopo due giorni di attacchi nella striscia di Gaza, durante i quali ha perso la vita anche un giovane palestinese, il 2 luglio un altro ragazzo palestinese di circa 16 anni, Mohammed Abu Khder, è stato sequestrato e ucciso e il suo cadavere è stato trovato in un bosco a Gerusalemme.

Come si è arrivati a questa nuova ennesima escalation di violenze? Gli albori del conflitto israelo-palestinese risalgono alla fine del 1800, quando Gerusalemme aveva già ottenuto una certa autonomia dall’impero Ottomano. Ma è all’inizio del Novecento che la popolazione arabo-palestinese, sentendosi minacciata dall’immigrazione ebraica, dà vita ai primi movimenti nazionalistici. Dopo la prima guerra mondiale e la caduta dell’impero Ottomano, la situazione si fa ancora più confusa.

È il 1917 quando Arthur Balfour, ministro degli Esteri della Gran Bretagna (che dopo la guerra si era spartita con la Francia i possedimenti dell’impero Ottomano della regione), riconosce agli ebrei emigrati dall’Europa il diritto di formazione di un “focolare nazionale” in territorio palestinese. Dopo diverse polemiche la Società delle Nazioni affida alla Gran Bretagna il mandato di gestire la questione israelo-palestinese. Tra i disordini e le violenze, si arriva al secondo dopoguerra, quando la Gran Bretagna rimette la questione, diventata ormai quasi ingestibile, nelle mani delle Nazioni Unite. Da qui parte la nostra infografica. 

clicca per vedere l'infografica sul link qui sotto :