martedì 4 febbraio 2014

Immaginando i Balcani. A Vent'anni di Distanza dal Conflitto Jugoslavo



“Il Nostro Oriente. I Balcani nell’Immaginario Occidentale”. Riflessioni.
Nazism, for instance, can claim Balkan origins. Among the flophouses of Vienna, a breeding ground of ethnic resentments colose to the southern Slavic world, Hitler learned how to hate so infectiously.” R. D. Kaplan
Fu durante un tranquillo pomeriggio d’estate che, per la prima volta, i Balcani entrarono violentemente nel mio immaginario. Ricordo il mare, mio fratello giocare sulla spiaggia, l’ombrellone a strisce verdi e gialle. Poi, d’un tratto, il rumore sordo dei caccia NATO – probabilmente partiti dalla base aeronautica di Aviano, in Friuli, per andare a bombardare le postazioni serbo-bosniache sulle alture di Sarajevo – disturbò la pace di quella giornata. Al tempo non sapevo né dell’esistenza di una Bosnia né di quell’universo jugoslavo che lentamente stava andando in frantumi, ma l’immagine di quegli aerei che si dileguavano all’orizzonte rimase impressa nel mio inconscio. Se anche dimenticai, in seguito, gli aerei, come tanti altri quel giorno, essi non scomparvero mai del tutto dal nostro immaginario, per riemergere ogni qual volta fossero stati evocati.

leggi sotto : www.albanianews.it