venerdì 31 gennaio 2014

Petrolio in Adriatico: la Croazia come la Norvegia?

Un'azienda norvegese avrebbe confermato l'esistenza di ingenti giacimenti di petrolio e gas lungo le coste croate. All'euforia dei politici fa riscontro la cautela degli esperti e i timori degli ambientalisti.





















leggi tutto :
www.balcanicaucaso.org

giovedì 30 gennaio 2014

Macedonia, di nuovo elezioni anticipate?


Ad aprile la Macedonia vota per il nuovo presidente. Sempre più probabilmente i cittadini macedoni saranno chiamati anche a scegliere i propri rappresentanti in parlamento. Il punto del nostro corrispondente
Le elezioni presidenziali in Macedonia sono in programma nella prossima primavera. Il mandato del presidente Gjorgi Ivanov si sta concludendo nello stesso modo in cui è iniziato, nell'indifferenza. Il voto per il successore avrà luogo probabilmente a metà aprile. Ma nessuno si mostra particolarmente interessato a chi sarà il prossimo presidente del paese. C'è un'altra questione a preoccupare pubblico e politici da mesi: insieme alle presidenziali si terranno anche elezioni politiche anticipate? A giudicare dal comportamento convulso dei partiti politici, ed in particolare del maggior partito di governo, la VMRO (Organizzazione Rivoluzionaria Interna Macedone), la risposta sembra essere sì.

leggi tutto :





Bosnia, Mladic rifiuta di testimoniare in processo Tpi Karadzic

Foto www.telegraph.co.uk
Roma, 28 gen. (TMNews) - L'ex capo militare dei serbi di Bosnia Ratko Mladic ha rifiutato oggi di testimoniare nel processo contro l'ex leader politico serbo-bosniaco Radovan Karadzic presso il Tribunale penale internazionale per i crimini nell'ex Jugoslavia.


"Io non voglio testimoniare e mi rifiuto di farlo a causa della mia salute e perché la testimonianza potrebbe portare pregiudizio al mio processo", ha spiegato Mladic.L'ex generale è stato costretto a presentarsi nell'aula del processo Karadzic su richiesta della difesa, che spera che la sua testimonianza possa alleggerire la posizione dell'imputato.Entrambi i leader dei serbi di Bosnia durante la guerra del 1990-92 sono accusati per crimini di guerra e contro l'umanità per il ruolo avuto nei massacri del conflitto, a partire da quello di Srebrenica.Mladic, in un primo momento oggi ha rifiutato di giurare, definendo il Tpi un tribunale "satanico", poi ha prestato giuramento.

leggi tutto:
www.tmnews.it

mercoledì 29 gennaio 2014

Una nuova casa per la biblioteca islamica di Sarajevo


La più grande collezione di opere e manoscritti islamici del Sud-est Europa ha trovato una nuova casa.

Migrazione dopo migrazione, seguendo le rotte della civiltà islamica, migliaia di libri e manoscritti provenienti da Mecca, Medina, Cairo, Baghdad, Istanbul e Damasco approdarono a Sarajevo a partire dal XVI secolo, per volontà di Gazi Husrev-Bey, il governatore ottomano che diede grande impulso allo sviluppo urbano della città.

Oggi quel prezioso e raro patrimonio librario ha trovato una nuova casa, in un edificio di nuova costruzione finanziato dal Qatar, dopo aver peregrinato attraverso molte sedi, otto solo durante l'assedio.

leggi tutto: 


martedì 28 gennaio 2014

La Carta di Lampedusa

Foto  www.ansa.it
La "Carta di Lampedusa" sarà scritta sull'isola da centinaia di associazioni che hanno aderito alla proposta lanciata da Melting Pot Europa dal 31 di gennaio p.v. 
La bozza del documento è consultabile su : lacartadilampedusa.org

Dal 31 gennaio al 2 febbraio 2014 ci ritroveremo sull’isola per scrivere LA CARTA DI LAMPEDUSA: per contrapporre a questo stato di cose un altro diritto, scritto dal basso. Un diritto alla vita che metta al primo posto le persone, la loro dignità, i loro desideri e le loro speranze, un diritto che nessuna istituzione oggi riesce a garantire, un diritto da difendere e conquistare, un diritto di tutti e per tutti.

Un diritto che nasce dalle rivendicazioni dei rifugiati accampati nelle piazze, dalle voci di donne e uomini che chiedono la libertà di muoversi o di restare dove hanno scelto di vivere, dalle mobilitazioni contro le espulsioni ed i respingimenti, dalle occupazioni delle case vuote mentre milioni di persone non hanno più un tetto, dalle lotte per il reddito, la dignità nel lavoro e contro lo schiavismo del caporalato, dalle iniziative di solidarietà e dalle pratiche di mutuo soccorso e cooperazione, dalla forzatura dei dispositivi giuridici dati, dai percorsi di contrasto alle discriminazioni ed al razzismo, dalle battaglie contro i centri di detenzione e confinamento e per dare corpo a nuovi diritti di cittadinanza più estesi e plurali, che cancellino ogni presupposto escludente che ha caratterizzato questo istituto negli ultimi decenni.
leggi tutto : 

lunedì 27 gennaio 2014

Suad Amiry vincitrice del Premio Nonino

foto www.ansamed.info
......."Se mi chiedete che cos'è l'Occupazione vi dirò che riguarda l'isolamento. Se c'è qualcosa di cui i Palestinesi soffrono è l'essere isolati dal mondo e circondati da un insensato muro di cemento alto otto metri.
Questo Premio, quindi non è un riconoscimento per Suad Amir, questo Premio è un riconoscimento per la Palestina. E' dire ai Palestinesi si, nonostante l'oscurità di questo mondo vi vediamo ancora, e si, possiamo sentire le vostre sofferenze"...........

( tratto dal discorso tenuto durante la cerimonia di premiazione ) 

leggi tutto : www.ansamed.info/ansamed/it

domenica 5 gennaio 2014

Due sponde una sola grande Civiltà ecco la sua grande bellezza

Affascinante e inquietante: il mare mitico sul quale Omero fa navigare Ulisse. La Storia l'ha amato, per poi maltrattarlo. Ma se comprendiamo che il Mediterraneo è sinonimo di vita, e dunque di amore, emozione, ma anche di passione tumulto, constatiamo oggi fino anche punto la sua identità rappresenta un'eccezione culturale. Mi piace molto il suo nome in arabo: "Mare bianco di mezzo". Un nome probabilmente ironico, poiché come sappiamo questo mare non è centrale, e tanto meno bianco, ma piuttosto agitato e rosso per il sangue versato nei tanti conflitti che hanno devastato e continuano a devastare i Paesi sulle sue rive: scontri militarie guerre civili, odi ancestralie violenze, mai definitivamente bandite da queste terre che circondano il magnifico azzurro e la sua schiuma appena sfiorata da un vento dell'Est, che a Tangeri è chiamato "chergui", e a Marsiglia "mistral".
Conosco un Mediterraneo ricco e poco popolato al Nord, e un altro al Sud, povero e sovrappopolato, che si sorvegliano a vicenda e si guardano con sospetto; e un altro ancora, utopico e virtuale, fantasioso e nostalgico: cosa che non fa bene né alla salute, né alla lucidità.
leggi tutto : repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2013

poesia di Joan Manuel Serrat leggi e guarda : www.youtube.com

canzone di Joan Manuel Serrat  ascolta : www.youtube.com