mercoledì 30 ottobre 2013

Ecco il treno sottomarino che unisce l'Asia all'Europa


Con un secolo e mezzo di ritardo, diventa realtà un antico sogno dei sultani ottomani, quello di collegare Asia e Europa con un tunnel sotto il Bosforo. La Turchia ha celebrato i 90 anni dalla fondazione della Repubblica creata il 29 ottobre 1923 da Mustafa Kemal Ataturk proprio sulle rovine dell'impero ottomano inaugurando 'Marmaray', uno dei progetti faraonici per Istanbul del 'nuovo sultano' Recep Tayyip Erdogan. Il tunnel ferroviario sotto il Bosforo - lungo 14 chilometri, 1,4 dei quali sott'acqua - costato 3 miliardi di euro, consente di passare in 4 minuti da una sponda all'altra, da un continente all'altro. Definito il 'cantiere del secolo' da Erdogan, è stato realizzato in collaborazione con il Giappone - presente con il premier Shinzo Abe - che ha fornito tecnologia e finanziamenti.
leggi tutto www.rainews24.it

lunedì 28 ottobre 2013

L’immigrazione del terzo millennio


Non c’è paese occidentale in cui non si discuta di immigrazione. Si discute negli Stati Uniti, dove la regolarizzazione dei clandestini cattolici arrivati dall’America Latina alimenta lo scontro tra il congresso e la Casa Bianca. Si discute in Europa, dove il dramma dei rifugiati che attraversano il Mediterraneo sui barconi della speranza sarà al centro del prossimo Consiglio europeo, e dove l’immigrazione è un problema anche all’interno dell’Unione. Qui il dibattito si concentra sulla libera circolazione dei rom e sui lavoratori dei paesi più poveri che offrono i loro servizi dove il costo del lavoro è più elevato. Si discute in modo sempre più appassionato anche nell’islam, identità familiare o religione della maggior parte degli immigrati che raggiungono l’Europa.
leggi tutto : www.internazionale.it

mercoledì 23 ottobre 2013

«Schiaffo» all'Onu, i sauditi rifiutano il seggio nel Consiglio di sicurezza


Il gran rifiuto saudita (anche se non è escluso che Riad possa cambiare idea) solleva clamore perché proviene del maggiore alleato americano in Medio Oriente, insieme a Israele, la potenza dominante della penisola arabica e la monarchia custode dei luoghi santi dell'Islam. La rinuncia dell'Arabia al seggio a rotazione di membro non permanente nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite può apparire sorprendente e anche sconcertante, ma forse non è così inattesa: all'ultima assemblea dell'Onu il ministro degli Esteri saudita aveva annullato il suo discorso, palesemente irritato per il disgelo tra Usa e Iran, la repubblica islamica sciita rivale nel Golfo.
leggi  tutto : www.ilsole24ore.com

lunedì 21 ottobre 2013

Cesare Augusto alle Scuderie del Quirinale

E' stata inaugurata la mostra "Augusto" alle Scuderie del Quirinale a Roma per celebrare il bimillenario della morte dell'imperatore romano. Organizzata in collaborazione con il Louvre con capolavori provenienti da da molti musei nel mondo la mostra si sposterà a marzo al Grand Palais di Parigi a marzo. Il servizio di paola Marinozzi
guarda il video : http://www.rainews24.

giovedì 17 ottobre 2013

L'Albania tenta il grande passo, l'ingresso nell'Ue. Italia a favore


BRUXELLES – L'Albania dovrebbe compiere questa settimana un passo cruciale verso l'ingresso nell'Unione Europea. L'esecutivo comunitario dovrebbe raccomandare mercoledì 16 ottobre agli stati membri di concedere all'Albania lo status di paese-candidato. Nel caso, il dibattito in Consiglio sarà acceso. Alcuni governi sono freddi; l'Italia invece sostiene Tirana nel suo tentativo. "In linea di principio – ha detto a metà settembre il presidente della Commissione José Manuel Barroso – l'Albania potrebbe avere lo status di paese-candidato entro la fine dell'anno.
leggi tutto : www.ilsole24ore.com

domenica 13 ottobre 2013

Bosnia, il censimento che riapre le ferite della guerra


Dal 1° al 15 ottobre si tiene il primo censimento nella storia della Bosnia Erzegovina indipendente. L’ultimo, infatti, risale al 1991, quando c’era ancora la Jugoslavia. La posta in gioco è alta: per la prima volta, infatti, verranno rese pubbliche le dimensioni reali della pulizia etnica compiuta durante la guerra degli anni Novanta. In un paese dominato dal concetto di equilibrio tra le tre ‘nazioni costituenti’ (bosgnacchi, serbi e croati) contare la popolazione significa inevitabilmente riaprire i capitoli chiusi con l’accordo di pace di Dayton, nel 1995.

L’ultima volta era il marzo 1991. La Bosnia Erzegovina si chiamava ancora Repubblica Socialista di Bosnia Erzegovina e faceva parte della Jugoslavia, che da lì a pochi mesi avrebbe iniziato a disfarsi. Esistevano ancora, gli ‘jugoslavi’ – molti nati da matrimoni misti – rappresentanti circa il 5 per cento della popolazione. Ma più di loro erano i Bosgnacchi (43%) i Serbi (31%) e i Croati (17%). Queste cifre avrebbero trascritto, per l’ultima volta, l’estrema complessità del tessuto sociale bosniaco, prima che venisse stravolto dalla guerra iniziata nell’aprile del 1992. Un conflitto tra i più sanguinosi della storia recente, che secondo stime Onu costò la vita a più di duecentomila persone, e che costrinse altre 2.200.000 (circa un abitante su due) a lasciare casa.

Leggi il resto: www.linkiesta.it

sabato 12 ottobre 2013

Cleopatra. Roma e l'incantesimo dell'Egitto



dal 12/10/2013 al 1/02/2014

Il Museo Egizio di Torino, i Musei Vaticani e i Musei Capitolini. Il Museo Nazionale Romano, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Museo Egizio di Firenze. E ancora il British Museum di Londra, il Musée du Louvre di Parigi e il Kunsthistorisches Museum di Vienna. I più importanti musei del mondo hanno unito le proprie forze, privandosi di pezzi prestigiosi per alcuni mesi, per realizzare una delle più suggestive e spettacolari mostre dell’anno.

Cleopatra torna a Roma dopo 13 anni: l’ultima esposizione rilevante dedicata alla Regina d’Egitto risale infatti al 2000, quando la Fondazione Memmo dedicò un omaggio a Cleopatra, registrando un record assoluto di visitatori per le mostre romane. Segno della passione e dell’entusiasmo che Cleopatra, ancora oggi, è capace di suscitare. A duemila anni dalla sua morte, lo charme e il carisma della regina egiziana rimangono intatti.

Tra i 180 capolavori esposti si segnalano, da non perdere: il ritratto di Cleopatra cosiddetto “Nahman”, esposto in Italia per la prima volta, uno straordinario ritratto di Ottavia, sposa di M. Antonio e sorella di Augusto rilavorato come Cleopatra – questo esposto per la prima volta al mondo – un ritratto della regina d’Egitto giovanissima, realizzato probabilmente quando salì al trono nel 51 a.C. e anch’esso esposto in prima mondiale, l’Alessandro Magno “Guimet” del Museo del Louvre, capolavoro della scultura ellenistica, uno straordinario bronzo inedito che ritrae Alessandro Sole, figlio di Cleopatra e Marco Antonio, e lo spettacolare ma quasi sconosciuto mosaico del Nilo, dal Museo di Priverno. Infine due regali per i visitatori: Valerio Massimo Manfredi, archeologo e scrittore di fama internazionale, racconterà la storia di Cleopatra svelandone i segreti, e l’audioguida della mostra sarà data in omaggio a tutti.
per saperne di più clicca : 
chiostrodelbramante.it

mercoledì 9 ottobre 2013

Il prezzo del controllo


L’immane tragedia del barcone affondato il 3 ottobre al largo delle coste di Lampedusa, costata la vita ad almeno 230 profughi e migranti, ha già indotto i governi e le organizzazioni internazionali a chiedere a gran voce “un intervento più duro contro il traffico di esseri umani”. Nel decennio scorso questa è stata la reazione standard ogni volta che sulle coste meridionali d’Europa si verificava una tragedia simile. Questo tipo di ragionamento però capovolge completamente il rapporto causa-effetto degli eventi: dopo tutto, sono proprio i più rigidi controlli alle frontiere a costringere i migranti a scegliere strade pericolose e a diventare sempre più dipendenti dai trafficanti per varcare le frontiere.

leggi tutto ...www.presseurop.eu

martedì 8 ottobre 2013

Libia: la fiera del Libro usato appassiona Tripoli



Daily Star Lb (28/04/2013). Centinaia di libici hanno visitato in questi giorni piazza dei Martiri curiosando tra migliaia di libri usati nella prima fiera di questo tipo dopo la rivoluzione del 2011. Tre giorni in cui Tripoli ha assistito all’entusiasmo per vecchi volumi di Storia, filosofia, geografia, poesia, cucina ed arti marziali. I fondi raccolti con la vendita dei libri serviranno a creare una biblioteca ambulante che girerà per le scuole libiche. Il successo dell’iniziativa ha superato di gran lunga le aspettative e gli organizzatori hanno fatto sapere che i primi libri a registrare il tutto esaurito già il primo giorno sono stati quelli della saga di Harry Potter. Sotto il regime di Gheddafi i libri occidentali in cui si trattavano certi periodi erano proibiti. I testi dedicati agli eroi del movimento di resistenza contro il colonialismo italiano, per esempio, non hanno mai ricevuto l’attenzione che avrebbero meritato.

leggi tutto ......arabpress.eu

giovedì 3 ottobre 2013

Lampedusa, la strage dei migranti

Lampedusa, Italia. Porta d'accesso alla Fortezza d'Europa, come Gabriele Del Grande, scrittore e giornalista che da tempo si occupa di sbarchi, chiama la Ue. Una fortezza inaccessibile, respingente, colpevole. Anche degli oltre novanta morti (e 250 dispersi) di stamattina. Secondo Del Grande - che sul suo blog aggiorna dal 2006 il triste, lunghissimo, elenco degli uomini, delle donne e dei bambini che muoiono in mare per raggiungere le coste siciliane - dal 1988 a oggi le vittime sono 19.142. Una strage. Che ha una causa, dice l'autore di " Mamadou va a morire ", molto chiara: l'impossibilità di ottenere un visto. Di arrivare all'Italia per vie diverse da quelle dei viaggi della speranza.
leggi tutto ...espresso.repubblica.it

martedì 1 ottobre 2013

L'intervista in esclusiva di Rainews al presidente siriano Bashar al-Assad

Il direttore di Rainews24 Monica Maggioni intervista il presidente siriano Bashar al-Assad. E' la prima intervista del presidente siriano dopo la risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'Onu sulle armi chimiche della Siria

guarda tutto il video….www.rainews24.rai.it